Blog: http://mattaautentica.ilcannocchiale.it

nel vento e nella rivoluzione le mie mani ti cercano


 


il vento mi spaventa, mi assorda, porta via tutto, è rivoluzione, registra i movimenti della mia anima ...un'anima in pena, un'anima che soffre e si contorce e non conosce pace, ma allo stesso tempo non si arrende, vuole giustizia, considerazione, rispetto, forza...la stessa forza con cui ha combattuto e lottato per un solo grande scopo, un'amore sincero. Quella stessa forza rivendica l'anima sempre amata, la sprona, la implora ma senza apparire pietosa, la cerca. Cerca di imporsi in maniera naturale, senza finte nè strategie spicciole. In maniera estremamente naturale, stanca di lottare e combattere, stanca di comunicare con un muro di gomma rivendica la sua libertà, la sua pace, la sua vita.
 Da un lato è stanca, dall'altro è pronta ad agire e ha necessità di rivoluzionare e ordinare i suoi desideri e le sue priorità, ha la necessità di scegliere la strada migliore, non la più semplice, ma la più benevola e serena.
Eppure questo vento mi spaventa, il destino si presenta dinnanzi a me impietoso come sempre. Non un aiuto, non uno sforzo, nessun accenno di comprensione, la mia anima si mette da parte e continua la sua strada fiera e risoluta come non mai.
Nessuno stimolo mi spinge ad andare avanti, vedo due anime allontanarsi sempre più, non necessariamente desiderose di altro, ma destinate a separarsi, senza un collante capace di unirle.

 Ci ho messo l'anima. E lei sta riprendendo me.

Pubblicato il 24/1/2008 alle 17.11 nella rubrica Diario.

Il Cannocchiale, il mondo visto dal web